Festival del Rugby Sanremo 2017, ecco come è andata

564 ragazzi, 1800 minuti di grande rugby, circa 1200 presenze e 2 atleti della Nazionale uniti a tanto divertimento, sono stati i “numeri” del Festival del Rugby Sanremo, giunto alla sua seconda edizione. Ben 27 sono state le formazioni, divise in incontri tra categorie Under 8, Under 10 e Under 12, a prendere letteralmente d’assalto il campo da Rugby della società di Sanremo, a Pian di Poma, giocando dalle 9.30 del mattino alle 16.30 del pomeriggio.

Special guest del Festival, due rugbisti della squadra Nazionale: Tommaso Boni e Federico Ruzza delle Zebre Rugby, che hanno trascorso tutta la giornata con i piccoli atleti, tra autografi, consigli e infine con una grande premiazione finale.

Le squadre, provenienti da gran parte del Nord Italia e dalla Francia, hanno dato vita ad una grande festa in cui tutti, appassionati sportivi e simpatizzanti, si sono calati nel mondo della palla ovale.

Se le partite sono state il perno della giornata, non è stato da meno il terzo tempo, organizzato nella nuova Club House del Sanremo Rugby, gestita dalla società e da tanti genitori dei leoncini, che per tutto il giorno hanno accolto gli ospiti. Per questa grande opportunità, che rende gli eventi rugbistici più semplici da realizzare, la società ringrazia gli uffici e l’amministrazione comunale. Proprio per la sua grande importanza, la società ha investito nella Club House quello che era nelle p possibilità con lo scopo di difendere il nome della Sanremo sportiva, turistica e commerciale.

I vincitori del Festival 2017 sono stati i ragazzi francesi del Lerins, ma tutti i rugbisti hanno vinto in questo evento. Per giocatori d’eccezione erano necessari dei “premiatori” altrettanto eccezionali.

Ecco quindi che a consegnare le coppe sul podio si sono alternati: il Presidente del FIR Liguria Oscar Tabor, l’Assessore allo sport del Comune di Sanremo Eugenio Nocita, il consigliere Olmo Romeo, il Presidente del Sanremo Rugby Emanuele Capelli e ovviamente i grandi campioni Boni e Ruzza.

Ringrazio innanzitutto chi ha lavorato a questo evento, perché per una piccola realtà come la nostra, 54 persone che lavorano alacremente da oltre 3 settimane alla riuscita dell’appuntamento più importante dell’anno, sono un numero eccezionale. Sanremo non solo non ha ma ospitato un evento così importante per il rugby, ma credo soprattutto siano rare le manifestazioni che possano portare numeri di questo genere in città. Un sentito grazie a tutti i nostri sponsor e al Comune di Sanremo, perché finalmente il nostro campo, un bellissimo campo attrezzato, è stato utilizzato nel migliore dei modi. Continueremo ad impegnarci a crescere e a realizzare altri eventi, sempre nel rispetto e nei valori che accompagnano il nostro sport” commenta il Presidente del Sanremo Rugby, Emanuele Capelli.

Una grande giornata di divertimento e giochi con l’intrattenimento di Dj Tex e Roberta Capelli e alla regia di Christian Gullone, hanno reso ancora più vivo questo Festival, che dà a tutti l’appuntamento al prossimo anno.

Top